Correre, il mio antidoto contro i momenti no

Questa mia passione nacque parecchi anni fa. Per la precisione nel 1996 quando mancò improvvisamente il mio papà.  Fu un periodo difficile, il dolore mi sommergeva ad ondate. Mio marito, i bambini e mia mamma erano gli affetti su cui mi concentravo per sentire meno la sua mancanza. Il mio papà morì alla fine di ottobre, la sua e la mia stagione preferita. Cominciai a fare lunghe camminate.  Mano a mano che il freddo avanzava ero sempre più infagottata in maglioni, guanti, cappelli e piumini. Fu così che in un clima non proprio clemente decisi di velocizzare i miei passi, di cambiare abbigliamento in favore di qualcosa di caldo e più adatto ad una Gisella che si era messa in testa di voler correre.

Gli inizi sono stati faticosi, certo ne più e ne meno che  come lo è per qualsiasi nuova attività. Le salite mi spezzavano il fiato e le gambe; dove abitiamo è tutto un su e giù, ma quando ero fuori a faticare mi sentivo meglio. Senza accorgermi quasi (ma sudando sempre….) i chilometri che percorrevo diventavano sempre di più e la mia mente si concentrava cercando la fine della salita, sapendo che dopo la curva il paesaggio sarebbe cambiato, osservando le nubi o facendo attenzione a dove mettevo i piedi quando ero sui sentieri nel bosco; così il dolore per la perdita si allentava, non quello fisico, ahimè…  e riuscivo ad essere più serena e con una forza interiore tutta nuova quando arrivavo a casa.

Se ripenso ad un’amica che  mi propose di fare jogging  la prima volta che abbiamo vissuto negli Stati Uniti e a cui io risposi: “ Mai e poi mai …” Insomma potete ben vedere che sono una persona dalle salde convinzioni 😂😂😂.

Ho corso in qualsiasi clima ed in qualsiasi luogo dove ho abitato o che ho visitato. Ho raggiunto dei buoni livelli “per una donna”  (parole di un amico con cui ho mangiato chilometri), mi sono preparata per gare impegnative in buona compagnia o da sola (moooolto più noioso e duro farlo in solitaria). A volte l’idea di uscire a fare il lunghissimo era abbastanza odiosa, ma sapevo che una volta chiusa la porta dietro di me mi sarei sentita bene; sola con la mia fatica, i miei pensieri, il desiderio di farcela e la soddisfazione che avrei sentito subito dopo aver raggiunto l’obbiettivo. Vi sembro per caso un pò competitiva? Noooooo

Non uscivo solo ad allenarmi però. Spesso mi capitava di farlo per stare in compagnia di una buona amica, dove chiaccheravamo a singhiozzo, in salita infatti stavo proprio zitta, oppure perché ero arrabbiata e dovevo scaricarmi o anche perché sentivo la mancanza di questa attività che scatena le endorfine e ti va sentire bene. Spesso le soluzioni migliori ai miei problemi le ho trovate durante una corsa. La mente era completamente vuota (almeno credevo) e poi ecco lì, la soluzione ideale, quasi una magia.

Negli ultimi anni ho dovuto rallentare. Acciacchi fisici mi perseguitavano e sono passata ad attività che mi danno quasi le stesse belle sensazioni  ma che non infieriscono così tanto sui miei poveri piedi.

La corsa resta comunque uno dei miei amori, quando sono al mare non posso proprio farne a meno. Correre sulla spiaggia, ammirare il sole che sale, non trovare nessuno in giro – a parte i quattro pazzi che come me calzano scarpette ed escono a fare chilometri – è davvero una felicità.

Qual’è il vostro modo di combattere i periodi difficili o di farvi passare un’arrabbiatura? (a parte mangiarvi un kg di gelato intendo, a me capita….) C’è chi esce a fare shopping, chi si mette in cucina ( mi capita pure quello) o si attacca al telefono per cercare conforto da una voce amica. Voi come vi comportate?

Lo so oltre ad essere competitiva -solo con me stessa però-  sono anche curiosa…. Mi perdonate e mi raccontate? Un abbraccio a tutte ed attendo i vostri commenti 😘

 

Pubblicità

Spinning, quanto mi piace….

Sono sempre stata amante della corsa. Ho corso per  più di 20 anni, ho iniziato perchè era un’attività che potevo fare quando avevo un attimo libero, lo facevo all’aperto immersa nella natura, la mia mente diventava una fucina d’idee e spesso portavo anche il mio cane. La fatica era tanta ma anche la soddisfazione quando raggiungevo il risultato prefissato. Poi sono cominciati i guai. L’età avanzava e,  anche se la testa troppo spesso diceva ce la puoi fare, i piedi e le ginocchia scricchiolavano, così  ho davvero realizzato che dovevo cambiare qualcosa. Ora ho abbandonato quasi completamente la corsa 😔 (fatta eccezione della Sardegna, lí davvero tutti i dolori del mondo non mi possono fermare….) e mi sono data ad un’altra attività altrettanto faticosa, non all’aperto , ma che mi dà le stesse sensazioni e che mi fa dire ce l’ho fatta alla fine della lezione : lo Spinning

Due anni fa trainata da un’amica sono entrata per la prima volta in una stanza semi buia. Circa 20 biciclette apettavano un gruppo di pazzi che a suon di musica pedalavano, sudavano, faticavano e, nel mio caso con questa domanda: ma chi cavolo me l’ha fatto fare???? Finita la prima ora con il sedere dolorante e le gambe che a fatica mi riportavano agli spogliatoi per una meritatissima doccia  mi sono detta: “è per me”.

Lo spinning è un viaggio che potenzia il corpo e libera la mente con l’energia della musica, il tutto bruciando molte calorie che dopo i lauti pasti natalizi è quello che mi serve per eliminare il “superfluo”.

Ora quando pedalo e sento le gambe che bruciano, le gocce che imperlano la fronte e la musica che accompagna la fatica sono felice. Saranno le endorfine che partono come schegge impazzite, sarà che da sempre adoro sfidarmi, sarà il gruppo che ho trovato in quella stanzetta buia, insomma saranno altri mille motivi ma lo spinning ora è diventato necessario (quasi come era prima la corsa….) e cerco di non perdere mai quelle tre orette  di vera fatica settimanali.

Ultima cosa estremamente piacevole di questa disciplina è quella di aver incontrato tante persone simpatiche. Ogni tanto riusciamo anche a organizzare una cena insieme, e lì davanti ad un piatto caldo riesco anche ad emettere qualche suono con un senso compiuto, cosa che durante la lezione mi è quasi impossibile…..

Avete mai provato lo spinning? Forza dai, è bellissimo😊

🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️🚴🏻‍♀️

 

 

 

 

 

mypiesite

tutto è possibile!!!

A casa di Bianca

Vivere con gentilezza

160over90 Blog

Just another WordPress site

Csaba dalla Zorza

tutto è possibile!!!

Snow in Luxury

Just a perfect ....

uncucchiainodizucchero

consigli di cucina

Folate di vento caldo

Un alito caldo ci accarezzi il cuore

Creando Idee

Idee e articoli per rendere meravigliosa la casa

passeggiandoingiardino

i fiori del giardino per creare composizioni floreali per il matrimonio e la casa

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Melania Licata

Cucinare seguendo il ritmo delle stagioni

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Most Lovely Things

Live Simply * Live Beautifully

illaboratoriocreativodiscarlett.wordpress.com/

Il blog della creatività a 360 gradi!

VITAINCASA il lato rosa della vita

Ricette, casa, simple lifestyle e cose rosa

LUOGHI D'AUTORE

Il Magazine del Turismo Letterario

Snow in luxury

Just a perfect

infuso di riso

perchè nella vita ci sono poche ore più gradevoli dell'ora dedicata alla cerimonia del te pomeridiano (H. James)